AGRITURISMI, “IL MARCHIO “PRODOTTI DI MONTAGNA” POTRÀ ESSERE OFFERTO IN AGRITURISMO NELL’AMBITO DEI PRODOTTI DI ORIGINE AGRICOLA”

17 maggio 2020

“Oltre a poter cucinare cibo d’asporto o da consegnare a domicilio, gli agriturismi lombardi avranno da oggi meno difficoltà a reperire le materie prime. I prodotti che hanno ottenuto il marchio “Prodotti di montagna” potranno infatti essere offerti in agriturismo nell’ambito dei prodotti di origine agricola. Questa scelta è sicuramente un aiuto concreto per sostenere tutti gli agricoltori di montagna, per venire incontro alle necessità degli agriturismi, che purtroppo stanno attraversando un periodo di difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria, e per valorizzare ancora di più le piccole produzioni di eccellenza dei nostri alpeggi”. A dichiararlo il Consigliere Segretario dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale della Lombardia Giovanni Malanchini, relatore lo scorso anno della nuova legge regionale sugli agriturismi e sul florovivaismo. “La proposta è arrivata dalla collega Simona Pedrazzi che, attraverso un emendamento specifico e in accordo con l’assessore all’Agricoltura Fabio Rolfi, ha chiesto di modificare la norma che “imponeva agli agriturismi di utilizzare, in percentuali variabili tra le aziende situate in collina o in pianura e quelle in zone svantaggiate di montagna, una parte di prodotti propri o acquistati da altre aziende agricole”, al fine di inserire questa possibilità importante per le produzioni montane”. Oltre a questa scelta approvata nell’ultimo Consiglio regionale, Regione Lombardia sta pensando a un ulteriore piano di rilancio per i prodotti di montagna attraverso l’elaborazione di un bando che potrebbe concretizzarsi entro la fine dell’anno con incentivi economici per chi scegli di investire sul marchio “Prodotti di Montagna”.

INDIETRO