BONUS BADANTI, IN LOMBARDIA SEMPLIFICAZIONE DELL'ACCESSO AI REGISTRI E ALLARGAMENTO DELLA PLATEA DEI BENEFICIARI

30 novembre 2020

“La Giunta regionale ha approvato l'introduzione di nuovi elementi, ulteriormente semplificanti, nelle Linee Guida per l'istituzione degli Sportelli per l'assistenza familiare e dei Registri degli assistenti familiari. L’obiettivo è garantire la possibilità di accesso rapido alle prestazioni delle assistenti familiari alle famiglie con componenti fragili e valorizzare il lavoro delle badanti. L’obiettivo è favorire un incontro regolato  tra domanda e offerta così da garantire servizi qualificati, valorizzando e sostenendo il lavoro di assistenza e di cura che sarà d'ora in poi più facile. Per iscriversi ai Registri gli assistenti familiari dovranno essere in possesso del diploma di scuola secondaria di primo grado, o di un'autodichiarazione con cui si attesta il livello di conoscenza della lingua adeguato alle mansioni da svolgere”. Lo annuncia Giovanni Malanchini, Consigliere segretario dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale della Lombardia. “Nello specifico – spiega-, hanno diritto ad accedere al contributo pari a 2.400 euro  le famiglie con reddito inferiore a 25.000 euro, oltre alle famiglie con un reddito compreso tra i 25.000 e i 35.000 euro, fino ad un tetto massimo pari a 2.000 euro”.

INDIETRO