CACCIA AL CINGHIALE, LOCKDOWN RENDE ANCORA PIU’ URGENTE AUTORIZZAZIONE A PRATICARLA TUTTO L’ANNO

20 maggio 2020

“Il lockdown imposto dall’emergenza sanitaria ha favorito la proliferazione della fauna selvatica. Per questo motivo auspichiamo che la prossima settimana il Consiglio regionale dia il via libero definitivo alla modifica della legge per concedere la caccia di selezione al cinghiale durante tutto l’anno, anche con visore notturno, considerato che si tratta di una possibilità prevista dalla normativa nazionale. È nostro dovere tutelare le aziende agricole e le comunità che stanno subendo danni legati alla presenza di questo animale”. Lo dichiara il Consigliere regionale Giovanni Malanchini (Lega) che ieri ha presentato degli emendamenti nell’ambito della discussione della prima legge di revisione normativa ordinamentale, la cui approvazione in Consiglio regionale è stata rinviata alla prossima settimana.


“Solo a Bergamo nel 2019 sono avvenuti 13 sinistri stradali causato dai cinghiali e i danni indennizzati in agricoltura ammontano a 119.494 euro. Di fronte a questi numeri e al lockdown, che quest’anno ha impedito per mesi la caccia al cinghiale, riteniamo doveroso permettere la caccia di selezione durante l’intero arco dell’anno. A noi non interessano le vittorie di Pirro, ci interessa rendere giustizia ai cacciatori, vere sentinelle del territorio per il ruolo insostituibile che svolgono in ambito ecologico. Per questo – conclude - non ci fermeremo qui e martedì prossimo auspichiamo che il Consiglio regionale accolga la nostra richiesta”.

 

Modulo di iscrizione

  • Facebook
  • Instagram

©2020 di giovannimalanchini