ROTONDA DI MOZZANICA, 200MILA EURO DI FINANZIAMENTO DA REGIONE LOMBARDIA

INCONTRO TRA IL SINDACO TASSI IL CONS. DELEGATO PROVINCIALE PREVEDINI E IL CONSIGLIERE REGIONALE MALANCHINI: TUTTI PRONTI A FARE LA LORO PARTE


Ammonta a 200mila euro il finanziamento stanziato da Regione Lombardia per la realizzazione della rotonda all’incrocio tra la Padana Superiore e la provinciale 591 in comune di Mozzanica (Bergamo). Lo stanziamento rientra tra gli interventi sostenuti da Regione con il “Piano Lombardia”. “Si tratta di un atto dovuto per sostenere la realizzazione di un’opera sempre più necessaria per il territorio – ha commentato il consigliere regionale Giovanni Malanchini, segretario dell’Ufficio di presidenza – Abbiamo incontrato il consigliere delegato alle Grandi Opere della Provincia di Bergamo, Giuseppe Prevedini, per dare continuità a questo ‘primo passo’ fatto da Regione e fare in modo di risolvere una volta per tutte questo annoso problema di sicurezza che si protrae da diversi anni. Anteponiamo alle parole e ai proclami i fatti concreti”. “Una soluzione può arrivare solo attraverso una forte collaborazione di tutti i livelli istituzionali – ha aggiunto Prevedini – Da parte sua la Provincia ha accolto con piacere la notizia di questo stanziamento effettuato da Palazzo Lombardia e non si tirerà certo indietro dal partecipare attivamente alla realizzazione di questa importante opera viabilistica”.

Concorde il sindaco di Mozzanica, Bruno Tassi, che ritiene la realizzazione della rotonda “un’opera ormai non più rimandabile” e che per la quale “il Comune di Mozzanica è pronto a fare la sua parte”. “La rotonda è di fondamentale importanza soprattutto per la messa in sicurezza dell'incrocio tra la Padana Superiore XI e la strada provinciale 591 – spiega Tassi - Purtroppo, quell'incrocio è stato il luogo anche di incidenti mortali e la pericolosità si è accentuata nel tempo a causa dell'incremento del traffico pesante dovuto alla vicinanza dei caselli autostradali della Brebemi - soprattutto al casello del comune di Bariano - ed alla crescita della presenza del settore logistico nel territorio della Bassa”.

“Se pensiamo anche al trasporto delle sostanze pericolose dovuto alla forte presenza nella zona, di impianti chimici, la messa in sicurezza di quell'incrocio diventa ancora più impellente – aggiunge il primo cittadino - La rotonda non deve essere assolutamente letta come un'opera a valenza locale in quanto le strade interessate soddisfano l'esigenza di un traffico a media e lunga percorrenza legato a direttrici strategiche sia a livello provinciale che a livello regionale. Così come non più rimandabile e per gli stessi motivi è la riqualificazione del tratto di S. P. 591 compreso tra Mozzanica e Bariano”.



2 visualizzazioni